La Lumaca del Parco

L’idea di creare il Consorzio La Lumaca del Parco nasce nel 2016 da Marco Salvadori, imprenditore poliedrico dalla forte vocazione innovativa, proveniente da più di 10 anni di carriera nel settore agro alimentare.

L’intuizione di Salvadori, studiando ed analizzando il settore, è stata quella di costituire il primo ed unico consorzio Italiano dedicato ad un tipo di allevamento molto particolare, quello delle chiocciole, dette più comunemente lumache.

Un tipo di allevamento per molti versi non semplice da sviluppare ma con un mercato dall’enorme potenziale. Le chiocciole di alta qualità hanno infatti proprietà nutritive ed organolettiche uniche che offrono un un’esperienza culinaria sana e prelibata.

Non da meno è la bava di lumaca conosciuta sia dall’antichità per le sue proprietà lenitive su vari tipi di problematiche gastrointestinali e in età contemporanea anche, e ormai soprattutto, per i problemi cutanei.

Per Salvadori il consorzio doveva nascere in un luogo che rappresentasse la sua filosofia green ed un modello imprenditoriale nuovo che gli permettesse di valorizzare al meglio la materia prima e la manifattura che da essa ne deriva creando una filiera quanto più corta possibile.

Un luogo che gli consentisse di unire, in una maniera nuova, agricoltura e manifattura, per valorizzare il territorio e, di conseguenza, il Made in Italy.

ico_count_3-1.png

10

Ettari di Fattoria

etichette.png

3

Etichette di vino

ortaggi.png

40

Tipi di Ortaggi

IL PROGETTO

Il parco naturale protetto di San Rossore, sito sulla costa Toscana, è il parco che ha accolto e supportato lo sviluppo del primo ed unico consorzio in Italia dedicato all’elicicoltura, l’allevamento delle lumache per fini gastronomici e cosmetico farmaceutici. Un consorzio in grado di proporre a 360 gradi tutto quello che questo tipo di allevamento offre.

L’idea è stata quindi quella di creare un punto di aggregazione in un settore in forte espansione che avesse sede all’interno di un’oasi incontaminata.

Nel 2016 iniziarono quindi i primi rapporti con l’Ente Parco ed il lungo iter burocratico che ha portato ad ottenere, nella primavera del 2018, i permessi necessari per realizzare la sede del consorzio all’interno di questo prestigioso parco, rendendo La Lumaca del Parco, di fatto, l’unico consorzio ed allevamento certificato da un parco naturale protetto.

La Lumaca del Parco offre prodotti e materie prime come la bava di lumaca certificata, destinata ai laboratori cosmetico-farmaceutici, alle lumache per la gastronomia e ristorazione, alla linea di prodotti dedicati al Parco naturale di San Rossore, che includono food e manufatti identificativi del parco.

IL PROGETTO

Il parco naturale protetto di San Rossore, sito sulla costa Toscana, è il parco che ha accolto e supportato lo sviluppo del primo ed unico consorzio in Italia dedicato all’elicicoltura, l’allevamento delle lumache per fini gastronomici e cosmetico farmaceutici. Un consorzio in grado di proporre a 360 gradi tutto quello che questo tipo di allevamento offre.

L’idea è stata quindi quella di creare un punto di aggregazione in un settore in forte espansione che avesse sede all’interno di un’oasi incontaminata.

Nel 2016 iniziarono quindi i primi rapporti con l’Ente Parco ed il lungo iter burocratico che ha portato ad ottenere, nella primavera del 2018, i permessi necessari per realizzare la sede del consorzio all’interno di questo prestigioso parco, rendendo La Lumaca del Parco, di fatto, l’unico consorzio ed allevamento certificato da un parco naturale protetto.

La Lumaca del Parco offre prodotti e materie prime come la bava di lumaca certificata, destinata ai laboratori cosmetico-farmaceutici, alle lumache per la gastronomia e ristorazione, alla linea di prodotti dedicati al Parco naturale di San Rossore, che includono food e manufatti identificativi del parco.

il nostro team

Per fare tutto ciò occorre un luogo magico e un team speciale.

marco-salvadori.jpg
Marco Salvadori
Presidente del Consorzio
andrea-fava.jpg
Andrea Fava
Responsabile Agricolo
Roberto-Bonaretti.jpg
Roberto Bonaretti
Agronomo